Mangiare sano senza spendere troppo. Nel supermercato americano

Offre solo cose ‘organic’ – dal pane ai cereali alla frutta di stagione, dal latte di mandorla al sushi e sashimi col riso integrale – e un’area ristoro ad hoc dove baby-sitter con bambini e professionisti della finanza consumano i propri pasti. E’ una catena di supermercati quella di Whole Foods o The Food Emporium, che attrae soprattutto la classe alta newyorkese perchè con più disponibilità economica. Il costo della frutta e della verdura può anche essere doppio rispetto al prezzo richiesto da un normale Deli – piccolo negozio che contiene vari generi alimentari aperto 24 ore su 24.

Molti sono questi tipi di supermercati distribuiti negli USA e a Manhattan. In città infatti ne esiste uno per area ad esclusione dell’Upper East Side – zona a destra di Central Park – dove aprirà nel 2012.
I prodotti sono biologici e vendono selezionati, identificati, ‘raccontati’ con una etichetta che ne descrive la provenienza e specifica la parola ‘organic’. La parola d’ordine qui è: ‘mangiare sano’.
Accessibile alla maggior parte delle persone e a volte buona soluzione alternativa è invece il self service all’interno di queste strutture. Utile per un pranzo, o una cena veloce. Scelta strategica per chi lavora o si vuole riposare da una camminata turistica perché oltre alla scelta biologica c’è anche l’area ristoro dove ci si può comodamente sedere.
Non c’è che dascegliere: verdure, piatti caldi, paste, dolci. E ci si può servire riempiendo un box di cartone o una bacinella di plastica colorata. Oppure, ai lati del self service si trova un reparto gastronomia infinito con pizze cotte al momento, sushi, polli, carni, primi e contorni.
Una volta scelto cosa mangiare, ci si immette nella coda per pagare alle casse. Una coda a volta infinita soprattutto se ci sceglie Whole Foods negli orari di pranzo e cena.
I prezzi del cibo self service variano in base alla quantità. Un insalata mista, se riempito il ‘box’ può costare circa 10-15 dollari, una pasta circa 15 dollari, un dolce circa 5 dollari considerando porzioni moderate.
L’area ristoro è munito di posate, sale, pepe, tovaglioli e predisposto per la raccolta differenziata.
Sedie, sgabelli, poltroncine, tavoli alti e piccoli, rotondi e quadrati, sono a disposizione per potere consumare il proprio pasto, e offrire la possibilità di dare un’occhiata ad internet con il proprio portatile, finire un lavoro e ordinare un frullato o un caffè. E’ un area lavoro per i professionisti, uno spazio gioco per i bambini, un ritrovo per le baby-sitter, un punto d’incontro per i ragazzini e a volte una tavola riunioni per chi condivide business.
Può rappresentare un’oasi felice per il turista italiano che vuole evitare insalate o cibi con salse e salsine caloriche, e altro cibo riconosciuto come tipicamente americano – ammesso che ne esista la categoria.

Articoli correlati:

  • It only offers things ‘organic’ – from bread to cereal to fresh fruit, milk of almonds to sushi and sashimi with rice – and dining area where ad hoc babysitter with children and financial professionals consume their meals. It ‘a chain of supermarkets to Whole Foods and The Food Emporium, which attracts mainly because the upper class New Yorker with more disposable income. The cost of fruits and vegetables can also be double the price demanded by …

  • Una lingua di terra vicino a Manhattan, un’oasi felice per risparmiare un po’ sull’affitto spesso insostenibile della città. E’ Roosevelt Island, situata tra la grande mela e il Queens, si estende dalla 46esima strada alla 85esima per una lunghezza di 3 chilometri. L’isola in sè non è troppo interessante, ma la cabinovia da poco modernizzata che la collega alla grande mela, offre una panoramica mozzafiato su Manhattan e l’acqua di cui è circonda …

  • La Quinta Strada in inglese – Fifth Avenue – è una delle vie più frequentate di New York, nel centro di Manhattan. Conosciuta come la strada dello shopping per eccellenza, soprattutto nel tratto tra la 34ª e la 59ª strada, è il simbolo della ricca New York. Ed è proprio questo il tratto al pari di Oxford Street a Londra, degli Champs-Élysées a Parigi, di Via dei Condotti a Roma, di Via Montenapoleone a Milano. Ed è in attesa del Natale che questo …

  • Non è una giornata con un significato cattolico quella di Halloween, ma una esperienza da provare per chi vuole andare alla scoperta dell’America. Feste e festicciole se ne trovano dappertutto ma quella da non mancare è la parade nel west village. che inizia a Spring street e termina forse due chilometri più avanti. Non ci vuole molto per partecipare, solo un costume, anche improvvisato e molta pazienza. C’è una lunga attesa prima di sfilare, si …

  • Il Thanksgiving ovvero ‘giorno del ringraziamento è in sintesi ‘una festa in cui si può riabbracciare la famiglia e gli amici, spesso ahimè dispersi in stati diversi qui in America. Un invito a mangiare il tacchino il giorno del Ringraziamento può anche rappresentare un’ottima occasione per ricambiare qualcuno di un favore, spianare una discordia, mettere da parte un rancore e dimenticarsi della parola inamicizia – almeno per un giorno. ‘Mi stat …

VN:F [1.9.14_1148]

Vota questo articolo su New York

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

No Comments Yet.

Leave a Reply

*