Halloween night nel West Village della Big Apple

Non è una giornata con un significato cattolico quella di Halloween, ma una esperienza da provare per chi vuole andare alla scoperta dell’America. Feste e festicciole se ne trovano dappertutto ma quella da non mancare è la parade nel west village.
che inizia a Spring street e termina forse due chilometri più avanti.
Non ci vuole molto per partecipare, solo un costume, anche improvvisato e molta pazienza. C’è una lunga attesa prima di sfilare, si rimane compressi in una folla contenuta tra le transenne che la polizia controlla con attenzione. Ecco perchè non è consigliato ai bambini di partecipare.
Una volta aperte le vie si dà inizio ad un vero e proprio spettacolo. Ad Halloween non si sfila solamente, si recita. Il costume viene proprio interpretato e raccontato. Forrest Gump con i capelli lunghi, la barba incolta e le scarpe adidas, corre per i viali salutando la gente al di là delle transenne, i pompieri fingono di attivarsi nel salvataggio di qualcuno, i mimi mimano, i dottori fingono di visitare le infermiere. Osservando qualche maschera non si può trattenere una risata e riconoscerne la creatività con la quale hanno elaborato il costume e interpretato il personaggio. Un ragazzo travestito da medico per esempio urlava: ‘Economy is dying’ trasportando un lettino con altri ragazzi travestiti da medico. Anche un uomo vestito da assorbente femminile che rivolgendo alle donne dicena: ‘You need me, I saved you so many times!’, ha attirato l’attenzione di diverse donne.
Qualcuno indossa costumi davvero pensanti da indossare, un finto teatrino copriva la testa di un uomo e un finto albero appoggiava sulle spalle di un altro.

Il mio era un costume semplice e senza pretese. Sfruttando una magnifica maglia dorata presa dall’India, è bastata una coda e una pashmina sui capelli e il simbolo rosso sulla fronte per essere vestita. Facilissimo anche il costume della mia girlfriend Valentina: una parrucca violetta a caschetto presa da Ricky (una catena di negozi accessoriata per Halloween), un vestito lungo nero e una collana di perle, ed ecco il costume da ‘francesina’.

Articoli correlati:

  • It is a day with a Catholic meaning to Halloween, but an experience for those who want to try to discover America. Parties and birthday parties are to be found everywhere, but that should not be missed is the parade in the West Village. that begins and ends at Spring Street, perhaps two miles ahead. It does not take much to join, just a costume, and even improvised a lot of patience. There is a long wait before taking off, it is compressed into a …

  • Una donna è sdraiata su una macchina, non è morta, respira anche se non sembra, non da segni di vita né osserva chi la guarda passeggiando per la strada. Rimane straordinariamente immobile. Questa una delle cose che solo a New York City possono accadere. Camminando sulla prima avenue e 61esima strada, la zona conosciuta come Upper East Side, a est della grande mela, notiamo un uomo seduto su una macchina che guarda il suo telefono e una donna dal …

  • Molta l’attesa per l’accensione dell’albero di Natale che ogni anno viene portato a Rockefeller Plaza – all’incrocio tra la Cinquantesima e la Quinta Strada – per essere ‘vestito’, abbellito, colorato e poi adorato. Vengono da diversi stati ad accorrere all’evento più acclamato dell’anno ma allo stesso tempo il più breve. L’attesa di ore da parte delle persone fortunate che riescono ad immettersi tra le transenne della piazza nelle ore pomeridian …

  • Dolcetto o scherzetto? Sia a New York sia nel New Jersey ci ha pensato la forza della natura Sandy a rispondere alla fatidica domanda di Halloween, optando per la seconda ipotesi. Una giornata di panico quella del 28 ottobre e di attesa per questo terribile uragano che ha spazzato via insieme ad alberi e case la vita di 18 persone a Manhattan. Un incubo continuato sino al giorno successivo, nelle stesse giornate in cui abitanti del posto e turist …

  • I colori dell’autunno hanno i giorni contati. New York resiste con i suoi gialli verdi e rossi fatiscenti ma il clima invernale quasi contrasta l’ambiente esterno. L’autunno grazie ai suoi colori spettacolari e distinguibili che la grande mela offre, rimane il periodo migliore dell’anno per visitarla, anche per la temperatura mite o comunque non gelida, e al non affollamento di turisti che solitamente la riempiono durante i mesi estivi. Moltissim …

VN:F [1.9.14_1148]

Vota questo articolo su New York

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

No Comments Yet.

Leave a Reply

*