Manhattan e New Jersey paralizzate da Sandy per giorni.

Martedì 30 ottobre la città di New York e del New Jersey ha iniziato a rimboccarsi le maniche dopo le 48 ore di permanenza forzata nei propri appartamenti o di evacuazione in centri di accoglienza, a causa dell’interminabile uragano Sandy.
Le stazioni metro sono ancora inondate dall’acqua e molte distrutte così come le ferrovie che collegano Manhattan con New York ‘Upstate’ – parte alta di New York.

Dice Bloomberg – sindaco di New York: ‘Un uragano di questa entità non si si era mai visto’. Aggiunge il governatore del New Jersey Christie: ‘Il New Jersey non sarà più lo stesso dopo Sandy’.
Il blackout è ancora un incubo per gli abitanti in downtown – dalla 39esima strada a Wall Street e Battery Park, parte più estrema a sud della grande mela. Molti di loro si devono recare a Midtown o Uptown parte più alta della città per acquistare cibo e trovare qualche ristorante aperto camminando per 50 o 60 ‘blocchi’ accontentandosi dei pochi negozi alimentari aperti, spesso non troppo forniti di cibo ed acqua. I più fortunati hanno trovato ospitalità da amici che hanno acqua e corrente, altri la cercano. Si legge in Facebook: ‘Amici, sono un ottimo chef, cucino in cambio di ospitalità in una casa con corrente e acqua calda’.
La maggior parte dei turisti è abbastanza fortunata, gli alberghi sono spesso ubicati tra Midtown e Uptown e quindi forniti di energia e corrente anche se ovviamente i loro spostamenti sono limitati.
I ponti che collegano Manhattan a Brooklyn, Queens e New Jersey sono per la maggior parte chiusi. Eccezionalmente, il ponte che unisce il Queens con New York City è stato riaperto mercoledì 31 e ha visto centinaia di persone che non potendo recarsi al lavoro e volendosi muovere da casa, hanno deciso di attraversarlo a piedi o in bicicletta.
Le caffetterie di New York, per esempio gli Starbucks, spesso ‘ufficio’ per chi lavora free lance o da casa, si scusa della chiusura con i propri clienti lasciando un cartello che dice: ‘Blame the weatherman not us’ – ‘Dai la colpa al metereologo, non a noi’.
Alcuni bus hanno iniziato a scorrere per le strade della grande mela nella giornata di oggi, mercoledì. Ci si deve armare di pazienza e affrontare una lunga coda per salire sull’autobus che non si sa quando può arrivare. I book stores, ovvero i negozi che vendono libri, luoghi in cui solitamente gli americani possono fermarsi indisturbati a leggere per ore, consultare riviste e sorseggiare un caffè, sono affollati di persone che cercano una presa a muro libera per caricare i propri cellulari e lavorare con il loro computer.
Ancora più complessa e sofferta la situazione degli abitanti del New Jersey, soprattutto per chi vive nella famosa Jersey Shore, località turistica dalle meravigliose spiagge, divertimenti e luna park a pochi chilometri da Manhattan. Case ed automobili sono state spazzate via dall’acqua, parchi di divertimento, giostre e montagne russe sono ormai un ricordo poichè sommersi dalla forza della natura di Sandy. ‘E’ stata la cosa più brutta che abbia mai vissuto’ dice una donna appena soccorsa da un gommone che galleggia di casa in casa, ‘Non posso credere di essere sopravvissuta’ aggiunge un’altra donna. E nel momento in cui parlano, proprio dietro di loro, appesa ad un palo, sventola una bandiera americana ormai rotta, quasi a significare lo stato d’animo di ciò che stanno vivendo.

Sandy devastation The power of Sandy The power of Sandy Sandy takes homes The justification of Starbucks because of Sandy Bookstores on the UES and Midtown full of people because of the power Subway closed because of Sandy

Articoli correlati:

  • Dolcetto o scherzetto? Sia a New York sia nel New Jersey ci ha pensato la forza della natura Sandy a rispondere alla fatidica domanda di Halloween, optando per la seconda ipotesi. Una giornata di panico quella del 28 ottobre e di attesa per questo terribile uragano che ha spazzato via insieme ad alberi e case la vita di 18 persone a Manhattan. Un incubo continuato sino al giorno successivo, nelle stesse giornate in cui abitanti del posto e turist …

  • Una donna è sdraiata su una macchina, non è morta, respira anche se non sembra, non da segni di vita né osserva chi la guarda passeggiando per la strada. Rimane straordinariamente immobile. Questa una delle cose che solo a New York City possono accadere. Camminando sulla prima avenue e 61esima strada, la zona conosciuta come Upper East Side, a est della grande mela, notiamo un uomo seduto su una macchina che guarda il suo telefono e una donna dal …

  • Una lingua di terra vicino a Manhattan, un’oasi felice per risparmiare un po’ sull’affitto spesso insostenibile della città. E’ Roosevelt Island, situata tra la grande mela e il Queens, si estende dalla 46esima strada alla 85esima per una lunghezza di 3 chilometri. L’isola in sè non è troppo interessante, ma la cabinovia da poco modernizzata che la collega alla grande mela, offre una panoramica mozzafiato su Manhattan e l’acqua di cui è circonda …

  • Decine di milioni di persone abitanti lungo la costa che collega Philadelphia a Boston si sono precipitati a casa nel pomeriggio di lunedì 26 gennaio per prepararsi alla terribile bufera di neve. Un avvenimento definito dai metereologi epocale, che avrebbe sorpreso gli americani con 2 – 3 metri di neve e qualche uragano qua e la lungo la costa. La bufera è iniziata durante la serata di lunedì e doveva continuare incessante tutto il giorno dopo. E …

  • Il Thanksgiving ovvero ‘giorno del ringraziamento è in sintesi ‘una festa in cui si può riabbracciare la famiglia e gli amici, spesso ahimè dispersi in stati diversi qui in America. Un invito a mangiare il tacchino il giorno del Ringraziamento può anche rappresentare un’ottima occasione per ricambiare qualcuno di un favore, spianare una discordia, mettere da parte un rancore e dimenticarsi della parola inamicizia – almeno per un giorno. ‘Mi stat …

VN:F [1.9.14_1148]

Vota questo articolo su New York

Rating: 9.7/10 (3 votes cast)
Manhattan e New Jersey paralizzate da Sandy per giorni., 9.7 out of 10 based on 3 ratings

No Comments Yet.

Leave a Reply

*