Saviano saluta l’Università di NYC. Punta il dito contro corruzione e denaro sporco

Tra gli applausi e la curiosità degli americani, Roberto Saviano ha chiuso la sua esperienza come insegnante di alcuni seminari sulla ‘criminalità organizzata internazionale’ alla NYU University dando voce alla conferenza stampa: “L’Italia e gli Usa: due prospettive sulla crisi economica”. Incontro che ha visto anche la presenza del noto economista Nouriel Roubini.
Saviano con l’aiuto dell’interprete ha ringraziato l’Universita per non avere avuto paura, paura ad invitarlo, ad

accoglierlo e a lasciarlo esprimere liberamente. “La NYU — ha dichiarato l’autore di Gomorra — ha gestito la mia permanenza negli Stati Uniti con molta prudenza date le ovvie difficoltà che vivo da 5 anni a questa parte”. Ha ricordato che la sua presenza negli Usa è stata possibile anche grazie a ‘Scholars at Risk’, una rete di istituzioni accademiche che sostengono i principi della libertà di pensiero e difendono i diritti di intellettuali che nei loro paesi d’origine vedono limitate le proprie liberta’ fondamentali.
Terminati i ringraziamenti, con la stessa emozione ed un velo di timidezza, Saviano ha puntato il dito contro “lo strapotere delle banche, e il loro ruolo nella gestione dei capitali del narcotraffico”, ha sottolineato il peso degli “immensi flussi di denaro sporco” e del peso che la criminalità organizzata riveste sulla società.
Sono infatti tra 400 e 500 i miliardi di dollari della criminalità ogni anno vengono riciclati dalle banche americane” ma si tratta di “liquidità che arriva alle mafie e viene a mancare al sistema sano. Il sistema finanziario – ha aggiunto l’autore – ha abbassato la guardia e si è fatto infiltrare da capitali criminali perché ormai ha il solo obiettivo di guadagnare a ogni costo”.
Poi è arrivato l’attacco al governo Berlus­coni: “Per la situazione italiana — ha detto Saviano — i mercati sono responsabili, ma una responsabilità ancora maggiore ce l’ha il governo, posso dire per fortuna, precedente”. Ed ha aggiunto: “Il governo Berlusconi non ha preparato il Paese in nessun modo a difendersi da questa crisi internazionale. Anzi sino a poco tempo fa venivano diffuse attraverso i media dichiarazioni di sicurezza. Tutte menzogne”.
Durante la conferenza l’economista Roubini, che ha ricoperto varie cariche al Dipartimento del Tesoro Usa e ha fatto parte dello staff del presidente Bill Clinton, si è detto pienamente d’accordo con le parole di Saviano. Ha preannunciato una possibilità superiore al 50% di una recessione negli USA il prossimo anno e di una crisi che toccherà presto anche alla Cina.
Non ha riservato certo parole di grazia per il sistema economico italiano da lui definito “piatto” e per il governo berlusconiano che dichiara “corrotto e mancante di riforme”. In particolare ha sottolineato come tanti giovani italiani che hanno ambizioni, nonostante vivano nel noto ‘bel paese’, “they just decided to give up”, hanno perso le speranze di trovare un lavoro in Italia e hanno deciso di andare all’estero cercando una situazione migliore.
Saviano ha ripreso la parola affermando la necessità del cambiamento, soprattutto nel sistema italiano, parlando di nepotismo e della conosciuta realtà della raccomandazione per ottenere un posto di lavoro. Ha infine spiegato come il silenzio possa distruggere un paese, un silenzio che deve essere fermato. Lo scrittore ha ricordato il potere che le persone singole possono avere, una forza che può smantellare la corruzione di una banca, evitare una tangente, distruggere la mentalità del nepotismo.
L’incontro si è concluso con alcune domande rivolte a Saviano e Roubini. In particolare allo scrittore è stato chiesto: “Perchè ha scelto NYC? e che cosa vuole da NYC?”. “Una domanda accogliente – ha risposto Saviano accarezzandozi la testa e facendo ridere l’auditorium. Insegnare all’estero è una cosa che ho amato fare e che farò. Qui è tutto diverso, si studia in modo diverso e questo mi ha dato la possibilità di ricercare, approfondire e confrontarmi con studenti di altri paesi. Da NY – ha proseguito – mi piacerebbe avere una vita normale, e vivere più leggermente rispetto a come sono costretto in Italia”.

parla saviano alla platea dell'NYU

Articoli correlati:

  • Le dimissioni del Cavaliere sono su tutti i siti e giornali di tutto il mondo. “Berlusconi si è dimesso” è la ‘breaking news’ – notizia dell’ultimo minuto – del Wall Street Journal. “Silvio Berlusconi si dimette, finisce un’era politica di 17 anni” è la breaking news del New York Times sul proprio sito. Anche il Financial Times scrive: “Silvio Berlusconi si è dimesso”. NBC, ABC, CNN raccontano in prima linea minuto per minuto cosa sta accadendo …

  • The applause and the curiosity of the Americans, Roberto Saviano has closed its experience as a teacher of seminars on ‘international crime’ at NYU University giving voice to the press conference: “Italy and the U.S.: two perspectives on the economic crisis” . Meeting also saw the presence of well-known economist Nouriel Roubini. With the help of the interpreter Saviano thanked the University for not being afraid, afraid to invite, to welcome him …

  • Dolcetto o scherzetto? Sia a New York sia nel New Jersey ci ha pensato la forza della natura Sandy a rispondere alla fatidica domanda di Halloween, optando per la seconda ipotesi. Una giornata di panico quella del 28 ottobre e di attesa per questo terribile uragano che ha spazzato via insieme ad alberi e case la vita di 18 persone a Manhattan. Un incubo continuato sino al giorno successivo, nelle stesse giornate in cui abitanti del posto e turist …

  • In soli 2 ore e 9 minuti e ” ore e 23, Meb Keflezighi dalla California e Firehiwot Dado dall’Ethiopia, vincono la Maratona di NY 2011. E’ iniziata a Staten Island a sud di Manhattan, per poi attraversare Brooklyn e il Bronx. Il traguardo a Central Park. La gara attrae ogni anno moltissimi atleti da tutto il mondo, non solo per i 600,000 dollari in premio, ma anche e soprattutto per i non vincitori, per avere l’opportunità di eccellere nella capi …

  • Sembra incredibile ma passeggiando tra i viali di New York non sembra proprio novembre oggi. Ci sono i colori dell’autunno, il giallo il ramato e il rosso che solo a New York si può vedere, e di contrasto le persone che passeggiano in maniche corte, sandali, e pantaloncini corti. Solo una settimana fa, durante la notte di Halloween, New York City è coperta neve. Non solo ma durante la notte e la domenica la nevicata è stata accompagnata da tuoni …

VN:F [1.9.14_1148]

Vota questo articolo su New York

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

No Comments Yet.

Leave a Reply

*