Un Iphone sul vino. E’ venduto a New York!

A Manhattan si legge anche a tavola, ma di vino. Tony May, un ristoratore italo americano inventa lo smartcellar, un Iphone con tutte le info sui vini in vendita. La propone alla clientela nel suo ristorante SD26 sulla ventiseiesima strada dell’East side di Manhattan. I vini scorrono sul display di un apparecchio che assomiglia a un Ipho- ne; dalla forma rettangolare e colorata. Ha infatti uno schermo digitale ad alta definizione e risulta di facile utilizzo anche per i neofiti del computer che lo possono utilizzare come un giochino.
In accordo con Stefano Milioni, responsabile marketing dell’SD26 ed esperto enologo – il dispositivo palmare chiamato «Smartcellar» contiene più di 1000 eti- chette che variano dai 34 ai 3.400 dollari. Lo strumento base, disegnato da «Incentien» a New York, è stato poi studiato e costruito da Tony May con l’ausilio di Milioni.

Insieme hanno pensato alle esigenze del consumatore che spesso deve affidarsi al suggerimento del cameriere o non ha strumenti propri, per seguire i propri gusti. Con lo Smartcellar è possibile scegliere tra le categorie del rosso, bianco, dessert, ‘dry sparkling’ e rosé, nonché avere informazioni sulla corposità, sulla preziosità e sul costo del vino. Non solo. Lo Smartcellar rivela anche altre informazioni al consumatore:
qual è il vigneto d’origine, il nome del produttore, le caratteristiche vinicole del territorio, la regione di provenienza con tanto di cartina e la spie- gazione storica del luogo. Ogni «pagina web» è correla- ta da immagini da cui si può osservare, per esempio, il colore del vino, la botti- glia o l’azienda di produzione. «Questo touch screen», spiega il sommelier dell’SD26 Eric Mccall, «è connesso a un grande computer centrale, che può essere continuamente riaggiornato. Una operazione questa che svolgiamo ogni due-tre ore: una volta terminato un vino lo eliminiamo dal pc collegato ai 20 Smarcellar, permettendo al cliente di visua- lizzare sul piccolo schermo quello che il ristorante ha realmente a disposizione». Il ristorante New- yorkese unisce così la tecnologia alla tradizione. Mentre il cliente è seduto a tavola ed esplora l’Iphone dei vini in suo possesso, può osser- vare il salumiere che affetta pro- sciutto con una Berkel degli anni ’40 nella salumeria posizionata a lato della sala; o vedere preparare i propri piatti nella cucina aper- ta. «Durante tutta la mia carrie- ra», ha dichiarato Tony May, «ho sempre volto lo sguardo al futuro e sono sempre stato aperto a rea- lizzare i miei progetti in team. La lista vini elettronica, la salumeria, il menu diviso per prodotti e non per portate sono alcune delle no- vità presentate per la prima volta sul panorama americano».

Articoli correlati:

  • In Manhattan we read at the table, but of wine. Tony May, an Italian-American restaurant owner invented the smartcellar, an iPhone with all the info on wines for sale. The offers to the customers at his restaurant on Twenty-sixth street SD26 East Side of Manhattan. The wines run the display of a device that resembles a IPhO-tion, the rectangular shape and color. It has a high definition digital screen and is easy to use even for computer newbies …

  • In soli 2 ore e 9 minuti e ” ore e 23, Meb Keflezighi dalla California e Firehiwot Dado dall’Ethiopia, vincono la Maratona di NY 2011. E’ iniziata a Staten Island a sud di Manhattan, per poi attraversare Brooklyn e il Bronx. Il traguardo a Central Park. La gara attrae ogni anno moltissimi atleti da tutto il mondo, non solo per i 600,000 dollari in premio, ma anche e soprattutto per i non vincitori, per avere l’opportunità di eccellere nella capi …

  • Offre solo cose ‘organic’ – dal pane ai cereali alla frutta di stagione, dal latte di mandorla al sushi e sashimi col riso integrale – e un’area ristoro ad hoc dove baby-sitter con bambini e professionisti della finanza consumano i propri pasti. E’ una catena di supermercati quella di Whole Foods o The Food Emporium, che attrae soprattutto la classe alta newyorkese perchè con più disponibilità economica. Il costo della frutta e della verdura può …

  • Martedì 30 ottobre la città di New York e del New Jersey ha iniziato a rimboccarsi le maniche dopo le 48 ore di permanenza forzata nei propri appartamenti o di evacuazione in centri di accoglienza, a causa dell’interminabile uragano Sandy. Le stazioni metro sono ancora inondate dall’acqua e molte distrutte così come le ferrovie che collegano Manhattan con New York ‘Upstate’ – parte alta di New York. Dice Bloomberg – sindaco di New York: ‘Un uraga …

  • Una lingua di terra vicino a Manhattan, un’oasi felice per risparmiare un po’ sull’affitto spesso insostenibile della città. E’ Roosevelt Island, situata tra la grande mela e il Queens, si estende dalla 46esima strada alla 85esima per una lunghezza di 3 chilometri. L’isola in sè non è troppo interessante, ma la cabinovia da poco modernizzata che la collega alla grande mela, offre una panoramica mozzafiato su Manhattan e l’acqua di cui è circonda …

VN:F [1.9.14_1148]

Vota questo articolo su New York

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

No Comments Yet.

Leave a Reply

*

*